• Portale ideato e diretto dal Prof. Filippo La Torre
  • Portale ideato e diretto dal Prof. Filippo La Torre
  • Portale ideato e diretto dal Prof. Filippo La Torre

Benvenuti nel Portale Ideato e Diretto dal Prof. Filippo La Torre

Tumore ColoRettale

Tumore del Colon e del Retto

 

Qualche numero per capire il problema. Epidemiologia del Carcinoma colo-rettale.

Il Carcinoma colon- rettale (CCR) è al secondo posto per incidenza in entrambi i sessi dopo il tumore del polmone nell’uomo e della mammella nella donna.

In Italia ogni anno sono diagnosticati 30-50 casi di tumori del colon-retto ogni 100000 abitanti, ossia da 20000 a 30000 persone si ammalano ogni anno e la metà è destinata a morire a causa del tumore stesso.

 

Cause e Fattori di Rischio.

Non esistono cause specifiche riconosciute per le quali viene dimostrata una influenza diretta nello sviluppo di Neoplasie colorettali, tuttavia esistono conosciute alterazioni genetiche responsabili di una forma familiare/genetica di tumore colorettale. La poliposi adenomatosa familiare (FAP), ed il cancro colorettale ereditario non poliposico (HPNCC), sono due condizioni a trasmissione genetica associate ad un altro rischio di sviluppare neoplasie colo-rettali.

Il polipo adenomatoso è la più frequente causa di CCR, essendo infatti il precursore dell’adenocarcinoma nella totalità dei casi di CCR tranne in quelli ereditari non poliposici.

L’Età (sopra i 50 anni), il Fumo, la Dieta (povera di fibre e ricche in grassi e proteine), la presenza di Malattie infiammatorie croniche intestinali, sono tutte condizioni associate ed un maggior rischio di sviluppo di tumori colorettali.

 

I Sintomi.

Il sanguinamento è il principale sintomo che deve spingere alla ricerca di una neoplasia colorettale dopo i 40 anni di età. Esso si può manifestare come sanguinamento rosso vivo se il tumore è localizzato nel Retto o nella parte più distale del Colon, o come melena (sangue “nero” digerito) quando il tumore è localizzato nella parte iniziale del colon (cieco/ascendente).

E’ importante quindi non trascurare un sanguinamento anale, anche in presenza di ben chiare emorroidi.

Per essere sufficientemente chiari, una delle principali cause del ritardo diagnostico di un tumore del colon o del retto, in presenza di un sanguinamento anale, è rappresentato dall’impropria attribuzione del sanguinamento stesso alla patologia emorroidaria.

Ulteriore sintomo è la recente modificazione delle proprie abitudini evacuatorie, con l’improvvisa insorgenza di stitichezza o l’alternanza di episodi di stipsi e diarrea, in individui normalmente “regolari”.

Tale sintomo è spiegato dal fatto che il tumore restringe il lume intestinale rendendo meno agevole il transito intestinale e la normale e regolare progressione delle feci nel “tubo digestivo”.

La presenza di muco nelle feci (mucorrea), è un altro sintomo di CCR.

 

La Diagnosi.

La diagnosi si ottiene attraverso la Colonscopia totale con biopsie sul tumore.

L’ AngioTC total body permette solo successivamente una stadiazione del Tumore identificando potenziali localizzazioni secondarie del tumore (metastasi).

Ecografia epatica, Risonanza Magnetica, TAC/PET, Ecografia Transrettale, sono esami di approfondimento diagnostico di seconda intenzione.

 

La Terapia.

La terapia varia in funzione della Localizzazione e dello Stadio della Malattia.

La Chirurgia, la Chemio-Radioterapia pre/post-operatoria, sono gli strumenti attualmente nelle mani dei Clinici per combattere tale Tumore, ed il loro impiego viene scelto in concertazione multidisciplinare, al fine di garantire al Paziente il massimo del beneficio con il minimo dei rischi e delle possibile complicanze.

 

La Prevenzione.

Come per altri tipi di tumore la Prevenzione è essenziale per ridurre la gravità e l’insorgenza stessa del tumore.

Deve essere eseguita una prevenzione primaria, secondaria e terziaria.

La prevenzione primaria consta nell’assunzione di quelle abitudini di vita volte a ridurre la possibile comparsa (dieta adeguata, abolizione del fumo, trattamento delle malattie infiammatorie intestinali).

La prevenzione secondaria mira alla diagnosi precoce del tumore, sotto forma di polipo adenomatoso colorettale. I polipi adenomatosi sono polipi benigni che con elevata probabilità “si trasformeranno” in adenocarcinomi; tutti i CCR tranne quelli associati alla Sindrome HNPCC, originano da polipi adenomatosi. I polipi adenomatosi sono spesso asintomatici e la loro diagnosi viene fatta attraverso la colonscopia che ne permette la completa asportazione; per tale ragione la prevenzione secondaria consta nella esecuzione di una colonscopia completa di screening dopo i 45 anni (per individui senza familiarità).

La prevenzione terziaria permette di ridurre le conseguenze indotte da una malattia ormai conclamata e si basa sull’applicazione di interventi volti a ridurre la gravità e le complicazioni indotte dalla malattia stessa.

Visite: 2307

Powered By Parsec for 

 

Questo sito /portale è rivolto alle persone interessate al tema trattato, siano esse pazienti, familiari, operatori sanitari. I contenuti di questo sito hanno scopo esclusivamente informativo: non intendono sostituire, in alcun modo, la relazione tra il paziente e il medico/specialista. Questo sito non ospita campagne pubblicitarie, né riceve sovvenzioni per la pubblicazione di contenuti commerciali. Eventuali banner presenti sono documentati e vengono utilizzati esclusivamente per le spese di gestione del sito/portale