Benvenuti nel Portale Ideato e Diretto dal Prof. Filippo La Torre

Il Rettocele

Rettocele

Per Rettocele si intende una patologica erniazione della parete anteriore del Retto all’interno della Vagina.

Anatomicamente infatti Retto e Vagina sono separati da una sottile e millimetrica parete fibroso-aponeurotica che non possiede funzioni di contenimento. La
muscolatura del pavimento pelvico, il muscolo elevatore dell’ano, lo sfintere anale esterno ed il muscolo trasverso del perineo aiutano a rinforzare tale
pare ed a renderla resistente ai meccanismi di spinta durante l’evacuazione.

Un aumento pressorio intra-rettale, spiegato ad esempio da un’ alterazione dei meccanismi di contrazione e rilasciamento sfinteriale al momento
dell’evacuazione, ed una incoordinazione del pavimento pelvico, comportano una aumento della pressione positiva del retto verso la parete posteriore della
vagina (l’unico punto debole, essendo per il resto il retto circondato da rigide strutture ossee).
Tale pressione, si manifesta cronicamente, con un cedimento strutturale ed una erniazione del Retto nella Vagina.

Le cause:
Incoordinazione del pavimento pelvico
Ostruita evacuazione da spasmo del muscolo puborettale
Stipsi
Debolezza dei meccanismi sospensori pelvici e ginecologici

I sintomi
Il sintomo principale e la difficoltà evacuativa che si manifesta con il “tenesmo”, senso continuo di dover evacuare, anche al termine della defecazione.
Ulteriore ed associato sintomo è il senso di incompleta evacuazione, con la necessità da parte della donna di dover ricorrere alla digitazione vaginale per
poter andare di corpo.
Può spesso associarsi un dolore pelvico, spesso determinato da una patologica attivazione di terminali dolorifici retto-vaginali e pelvici, o da una un
ipertono sfinteriale del muscolo puborettale

 

Il trattamento
Il trattamento è conservativo.
Anche se negli ultimi anni sono state “sponsorizzate” procedure chirurgiche poco invasive nella promessa di una rapida risoluzione sintomatologica,
l’intervento chirurgico deve sempre essere preso in considerazione come ultimo gradino di un percorso terapeutico complesso.
Come sopra indicato, infatti il Rettocele è il risultato di una alterazione dei meccanismi pressori e contenitivi pelvici e rettali, dove l’erniazione del
Retto nella Vagina costituisce solo l’effetto e non la causa.
Trattare il Rettocele senza trattare la causa che lo ha determinato è inutile, dannoso e quindi da evitare.
Ripristinare l’anatomia pelvica infatti non garantisce una risoluzione clinica.
La Letteratura scientifica raccomanda invece una percorso riabilitativo costituito da una ginnastica pelvica (riabilitazione pelvica con
elettrostimolazione e biofeedback) associato a consigli igienico-alimentari atti ad una correzione della stipsi spesso latente e mai adeguatamente
trattata.
La riabilitazione pelvica permette un “riordino” delle pressioni pelviche attraverso un riapprendimento dei meccanismi di contrazione e rilasciamento
anorettali.
Tali esercizi facilitano una riduzione della pressione rettale a riposo e durante l’evacuazione riducendo la spinta verso la vagina, e l’eventuale dolore
conseguente.
Tale riabilitazione migliora anche l’evacuazione riducendo la stipsi (se essa è esclusivamente riconducibile ad un ostacolo retto-anale) e migliorando la
qualità di vita della Paziente.
La persistenza del “disconfort” determinato dalla patologica presenza di Retto all’interno della Vagina, può solo allora spingere verso una correzione
chirurgica del Rettocele.
Il trattamento chirurgico è costituito da una plastica per via vaginale della parete Retto-Vaginale (Vulvo-perineoplastica) associata o meno al
posizionamento di materiale protesico atto a consolidare la ricostruzione parietale.

 
Visite: 2555

Powered By Parsec for 

 

Questo sito /portale è rivolto alle persone interessate al tema trattato, siano esse pazienti, familiari, operatori sanitari. I contenuti di questo sito hanno scopo esclusivamente informativo: non intendono sostituire, in alcun modo, la relazione tra il paziente e il medico/specialista. Questo sito non ospita campagne pubblicitarie, né riceve sovvenzioni per la pubblicazione di contenuti commerciali. Eventuali banner presenti sono documentati e vengono utilizzati esclusivamente per le spese di gestione del sito/portale